[Homepage]

ACCETTAZIONE DELL’EREDITA’


Vi sono due tipi di accettazione:


1) pura e semplice
2) con beneficio di inventario

L’accettazione pura e semplice comporta la confusione tra i patrimoni del defunto e quello dell’erede che diventano una cosa sola.
L’erede subentrando nel patrimonio del defunto succede sia nell’attivo che nel passivo, egli, perciò è tenuto al pagamento dei debiti ereditari anche se superano il valore dell’attivo.


L'accettazione con beneficio di inventario non implica, invece, la confusione dei due patrimoni e, quindi, l’erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari o dei legati oltre il valore di ciò che era ricompresso nel patrimonio attivo del defunto.

 

Sotto la comune denominazione di accettazione sono in realtà ricompresse varie ipotesi tra loro diverse che meritano una diversa trattazione:


1) Accettazione espressa:

può essere pura e semplice oppure con beneficio di inventario.
Essa si verifica quando, in un atto pubblico o in una scrittura privata, il chiamato all’eredità dichiari di accettarla oppure assuma il titolo di erede. L’accettazione, viene inserita nello speciale registro delle successione, che è tenuto presso la cancelleria del luogo ove si è aperta la successione.

 

Posso apporre condizioni all’accettazione espressa?


No, l’accettazione deve essere priva di condizioni così come ad essa non può essere apposto un termine (accetto di essere erede per 5 anni).

 

L’accettazione è revocabile?


No, nel nostro ordinamento vale il principio per cui una volta divenuti eredi lo si è per sempre.

 

Accettazione tacita:

si verifica quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di fare se non nella qualità di erede. L’accettazione tacita può risultare da un comportamento o da una dichiarazione. Non comporta accettazione: la denuncia di successione (perché è obbligatoria), la vendita di cose mobili di modico valore del defunto, l’immissione nel possesso dei beni del defunto (Cassazione civile 1996 n. 5643)

Accettazione presunta:

si verifica allorché l’acquisto dell’eredità avvenga in automatico o per il solo fatto che non si è compiuto un atto previsto dalla legge (esempio mancato compimento dell’inventario, mancata dismissione del possesso dei beni ereditari, mancata dichiarazione di accettazione con beneficio di inventario) ovvero perché si è tenuto un determinato comportamento (sottrazione dei beni ereditari). Si parla di accettazione presunta perché la legge indica dei casi al verificarsi dei quali l’acquisto dell’eredità è automatico (prescindendo cioè dall’accettazione), sul presupposto che chi lo abbia compiuto voleva accettare e senza, quindi, che abbia rilevanza la reale volontà contraria (la prova della quale, peraltro, non è ammessa).

Principalmente i casi accettazione presunta sono tre:

1) i chiamati all’eredità hanno sottratto o nascosto beni ereditari (essi decadono dalla facoltà di rinuncia la quale è irrilevante);
2) il chiamato all’eredità che è nel possesso dei beni ereditari deve formare l’inventario entro 3 mesi trascorso tale termine, il chiamato è considerato erede puro e semplice,
3) formato l’inventario, il chiamato, nei 40 giorni successivi, non dichiara se accettare o rinunziare all’eredità.


Quanto tempo ho per accettare l’eredità?


Il diritto di accettare l’eredità si prescrive in 10 anni ma se vi è interesse a che il chiamato si esprima prima, è possibile fare ricorso al giudice, perché questo fissi al chiamato un termine per accettare, decorso il quale, il chiamato perderà il diritto di accettare l’eredità. Il testatore, inoltre, può stabilire un termine per accettare l’eredità.
Se il chiamato all’eredità muore senza averla accettata, il diritto di accettarla si trasmette ai suoi eredi. In altri termini, il chiamato che muoia senza aver accettato, trasmette ai suoi eredi il suo patrimonio insieme al diritto di accettare l’eredità che gli era stata devoluta, per cui gli eredi se rinunceranno all’eredità propria del defunto, rinunceranno anche all’eredità che questo aveva diritto di accettare.

 

Si può impugnare l’accettazione?


-SI, per violenza o dolo, ma l’azione si prescrive in 5 anni dal giorno in cui è cessata la violenza o è stato scoperto il dolo;


-No per errore, perché esso non può che riguardare altro che l’ammontare del passivo rispetto all’attivo. Ora, al chiamato che non voglia rimanere obbligato per i debiti ereditari oltre il valore di quanto gli sarà devoluto, la legge appronta unicamente il rimedio dell’accettazione con beneficio di inventario. Senonchè non può farsi carico all’erede dell’omissione dell’accettazione con beneficio di inventario, se, dopo l’accettazione pura e semplice, si scopra un testamento la cui esistenza era ignorata al tempo dell’apertura della successione, e che contenga legati che esauriscano o superino il valore della quota o oltrepassino la legittima se l’erede è legittimario. In questo caso l’erede non è tenuto a soddisfare i legati scritti nel testamento oltre il valore dell’eredità (o, se è un legittimario, oltre i termini della quota disponibile).

 

Se voglio accettare l’eredità ma ho paura che mi siano stati lasciati debiti superiori ai crediti cosa debbo fare?


Devo accettare con beneficio di inventario poiché ciò ha l’effetto di limitare la responsabilità dell’erede entro i limiti di valore del patrimonio che gli è stato attribuito dal defunto.

 

Come si effettua l’accettazione con beneficio di inventario?


Si effettua mediante dichiarazione ricevuta da notaio o dal cancelliere ed inserita nel registro delle successioni. La dichiarazione poi deve essere trascritta presso l’ufficio dei registri immobiliari del luogo in cui si è aperta la successione.

 

Abbiamo accettato l’eredità in cinque e solo uno ha fatto l’accettazione con beneficio di inventario, e poi abbiamo scoperto che i debiti sono superiori ai crediti cosa succede?


L’accettazione con beneficio di inventario fatta da uno solo dei chiamati giova a tutti gli altri, anche se l’inventario è compiuto da persona diversa da quella che ha fatto la dichiarazione di accettazione pura e semplice.

 

Se voglio fare l’accettazione con beneficio di inventario in quanto tempo devo formare l’inventario?


3 mesi rinnovabili dal giudice per non più di un trimestre.


Deve distinguersi tra chiamato nel possesso dei beni ereditari e chiamato che non lo è.


Il primo deve formare l’inventario entro 3 mesi dal giorno dell’apertura della successione, decorso il quale si considera era puro e semplice. Se invece forma l’inventario, il chiamato ha 40 giorni per decidere se accettare o meno con beneficio di inventario, se rinunciare, se accettare in modo puro e semplice. Se non decide nei 40 giorni si considera erede puro e semplice.
Se, invece, il chiamato all’eredità non è nel possesso dei beni ereditari, ha 10 anni di tempo per decidere se accettare e quindi può fare l’inventario entro questo arco temporale. Tuttavia una volta formato l’inventario dovrà entro i 40 giorni successivi, deve accettare con beneficio di inventario, altrimenti decade dal diritto e viene considerato erede puro e semplice.
Se poi il chiamato all’eredità non è nel possesso dei beni ereditari può essere chiesto al giudice con ricorso che venga fissato al chiamato un termine per dichiarare se intende accettare con beneficio di inventario. Il chiamato in questo caso dovrà fare l’inventario nel termine stabilito dal giudice pena la perdita del beneficio.

 

Cosa comporta analiticamente l’accettazione con beneficio di inventario?


1) l’erede conserva verso l’eredità tutti i diritti di credito che aveva verso il defunto e nel contempo conserva i debiti verso costui;


2) l’erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore di quanto pervenutogli;


3) i creditori dell’eredità e di legatari hanno preferenza sul patrimonio ereditario di fronte ai creditori dell’erede. Questo effetto, tuttavia, può venir meno in caso di decadenza dal beneficio di inventario, o di rinuncia ad esso.

 

Vi sono casi in cui l’accettazione con beneficio di inventario è obbligatoria?


Si, nel caso di eredità devolute ai minori, agli interdetti, agli inabilitati, gli enti , anche non riconosciuti, diversi dalle società, per le quali, invece l’obbligo non vige.

 

I creditori del defunto possono evitare che sul patrimonio devoluto in eredità si soddisfino i creditori dell’erede?


Si, esercitando la separazione dei beni del defunto, da quelli dell’erede e cosi soddisfacendosi con preferenza rispetto ai creditori dell’erede. Tale diritto spetta anche ai legatari.
Per effetto della separazione, i creditori del defunto ed i legatari non possono aggredire i beni personali dell’erede mentre i creditori personali dell’erede possono aggredire i beni ereditari solo in via sussidiaria, vale a dire, dopo che abbiano tentato inutilmente di soddisfarsi sui beni personali.
Attuata la separazione (senza che sussista l’accettazione con beneficio di inventario) i creditori dell’eredità possono soddisfarsi sui beni personali dell’erede cosi, come i creditori personali di costui possono aggredire i beni dell’eredità , ma anche questa volta in via sussidiaria rispetto agli altri creditori e, quindi, sull’eventuale residuo.
La separazione deve essere chiesta entro tre mesi dall’apertura della successione con domanda giudiziale se si tratta di beni mobili o con l’iscrizione del credito o del legato secondo le regole delle ipoteche se si tratta di beni immobili.

 

Come rinuncio all’eredità?


Basta effettuare una dichiarazione davanti al notaio oppure davanti al cancelliere del luogo in cui si è aperta la successione. Tale dichiarazione viene inserita nel registro delle successioni.

 

Quali effetti ha la rinuncia?


Ha effetto retroattivo a far tempo dalla data di apertura della successione; è nulla se fatta sotto condizione o termine oppure se parziale e può esser impugnata esclusivamente per dolo o violenza.

 

Posso rinunciare ad un eredità dopo averla accettata?


No, una volta acquisito il titolo di erede lo si conserva per sempre.

 

Quanto tempo ho per fare la rinuncia?


Fino a quando non ho accettato, ho 10 anni di tempo per rinunziare.

 

Posso rinunciare all’eredità e poi decidere accettare?


Si, purchè non siano passati 10 anni dall’apertura della successione e purchè non sia intervenuta l’accettazione di un altro chiamato.

 

Sono creditore di un chiamato all’eredita che intende rinunciare all’eredità posso impedire ciò?


Si, i creditori dei chiamati all’eredità che abbiano rinunciato possono farsi autorizzare entro 5 anni dalla rinuncia ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunciante creditore, al solo scopo di soddisfarsi sui beni del debitore e fino a concorrenza dei crediti vantati. Il chiamato debitore non acquisisce la qualità di erede perché questa non può essere attribuita contro la volontà di costui, ma cionondimeno, i creditori potranno soddisfarsi sui beni del debitore visto che saranno costoro ad accettare l’eredità in sostituzione del debitore chiamato.

 

Sono divenuto erede e voglio recuperare un bene ereditario posseduto da altri cosa devo fare?


A tal fine la legge predispone l’azione di petizione ereditaria proponibile dall’erede contro colui che possegga a titolo di erede oppure contro l’usurpatore cioè colui che possegga il bene ereditario senza avere titolo. L’azione non è soggetta a termine di prescrizione. Tuttavia tale azione non assorbe quella di annullamento del testamento, pertanto se colui contro il quale mi rivolgo possiede in forza di un testamento annullabile che io, erede legittimo, non ho impugnato entro 5 anni, la prescrizione dell’azione di annullamento preclude l’accoglimento dell’azione di petizione ereditaria.

 

Se colui che era erede in forza di un testamento poi annullato ha ceduto i beni, l’erede legittimo può recuperarli?


Ricorre in tal caso una fattispecie di erede apparente, poiché il soggetto che ha ceduto il bene era erede al momento dell’atti di disposizione ed ha cessato di esserlo solo dopo per effetto dell’annullamento.

Allora, in queste ipotesi, il terzo che ha acquistato da colui che era erede al momento della cessione :


1) se ha acquistato in buona fede ( ignorando cioè il motivo che avrebbe fatto perdere al cedente la qualità di erede)


2) se di tale buona fede dia la prova


3) se ha a acquistato a titolo oneroso


vede salvo il suo acquisto ed il vero erede non ne potrà pretendere la restituzione.

Non ha invece, importanza che l’erede apparente abbia o non abbia un titolo e non ha rilevanza nemmeno la sua buona o mala fede poiché è decisiva solo la buona fede dell’acquirente. Se poi il bene ceduto è un bene immobile o ben mobile registrato è necessario che l’acquisto del terzo si trascritto prima che venga trascritta la domanda giudiziale con la quale l’erede vero contesta la cessione contro l’erede apparente. In caso contrario l’erede vero potrà recuperare il bene ottenendone la restituzione dal terzo cessionario.

Se hai dubbi su un quesito in tema di successioni, oppure vuoi ottenere un preventivo gratuito per la redazione di un parere legale
clicca qui e compila l’apposito modulo, entro 24 ore riceverai una risposta dai nostri esperti.